venerdì 16 giugno 2017

PORCARO E CARINI A GIUSEPPE GRAVIANO: NON INSULTARE PADRE PINO MA CONVERTITI

Giuseppe Graviano durante un processo


Le trascrizioni delle intercettazioni in carcere del boss di Brancaccio, Giuseppe Graviano, hanno riempito pagine di giornali. In particolare, alcuni passaggi riguardano l'omicidio di padre Pino Puglisi per cui Graviano (insieme col fratello Filippo) è stato condannato all'ergastolo come mandante. Il boss cerca di "mascariare" (imbrattare) la memoria del sacerdote-martire. Lo dipinge come "un litigioso" che diceva "parolacce" (sic), "che insultava le persone di Brancaccio" e da queste era mal sopportato. Non dice nulla, ovviamente, delle sue responsabilità per il delitto, sempre negate durante i tribunali. Agli insulti di Graviano rispondono con un comunicato congiunto Gregorio Porcaro - all'epoca viceparroco a Brancaccio e oggi referente siciliano di Libera - e Giuseppe Carini, uno dei giovani di Puglisi che oggi è testimone di giustizia: da Graviano arriva solo un cumulo di "bugie". I due lo invitano a convertirsi: accanto a sé troverà lo spirito di padre Puglisi ad accoglierlo. 


domenica 14 maggio 2017

L'ULTIMO SORRISO: ARRIVA NELLE SALE IL DOCU-FILM SU DON PUGLISI


Da sinistra Sergio Quartana, Paride Benassai e la regista Rosalinda Ferrante


Presentato in anteprima alla stampa, sabato 13 maggio a Palermo, “L’ultimo sorriso”, la pellicola dedicata alla vita di Don Pino Puglisi. Folta la partecipazione in sala, all’Auditorium della Rai Sicilia, con giornalisti e addetti ai lavori che hanno commentato positivamente il docu-film, realizzazione di un progetto sociale nato da un’idea del commissario Sergio Quartana, presidente dell’Associazione culturale della Polizia municipale di Palermo e della giovane regista palermitana Rosalinda Ferrante, direttrice della Cosmo Cinematografica. Il 25 maggio ci sarà un'altra anteprima a inviti e da fine mese sarà poi nelle sale: il primo appuntamento pubblico annunciato è per il 30 maggio alle 20,30 alla multisala Politeama.

sabato 22 aprile 2017

IL PAPA RICORDA I MARTIRI, UNA PREGHIERA ANCHE PER PADRE PUGLISI

Agostina Aiello e Papa Bergoglio


22 aprile 2017: commossa cerimonia per iniziativa della comunità di Sant'Egidio in ricordo dei martiri a Roma, nella chiesa di San Bartolomeo all'Isola Tiberina. Il Papa ha ricordato le tante stragi di migranti e ha reso omaggio a chi ha sacrificato la vita per non rinnegare la propria fede, tra cui padre Puglisi e mons. Romero



venerdì 24 marzo 2017

COME PORTARE IL VANGELO A BRANCACCIO: IL METODO DI PADRE PUGLISI ALL'ARRIVO NEL QUARTIERE



Ma che tipo di sacerdote era padre Pino Puglisi nel concreto dell'attività quotidiana? Quali furono le sue scelte pastorali all'arrivo a Brancaccio? In questo articolo facciamo luce sulle iniziative a San Gaetano, analizziamo il suo metodo e le sue strategie messe in atto sin dai primi mesi dopo la nomina a parroco di San Gaetano. Emergono due grandi direttive: da un lato la formazione dei volontari e dei fedeli, dall'altro la proposta di un'alternativa di fede e cultura al clima di violenza mafiosa - e di religiosità distorta e superstiziosa - che si respirava nel quartiere.  

domenica 19 marzo 2017

I VESCOVI SICILIANI: I MAFIOSI SI OPPONGONO AL VANGELO

Nicosia: i vescovi siciliani riuniti con il cardinale Bagnasco
«Chi è mafioso si oppone al Vangelo». La nuova presa di posizione della Chiesa siciliana nei confronti delle organizzazioni mafiose porta la firma dei suoi vertici e segue di pochi giorni il decreto dell’arcivescovo di Monreale che vieta a chi è legato a Cosa nostra di fare da padrino di battesimo o di cresima. I vescovi siciliani, ancora una volta, ribadiscono l’incompatibilità tra mafia e parola di Cristo e lo fanno durante una seduta ufficiale della Conferenza episcopale dell’Isola riunita a Nicosia, in occasione del bicentenario dell’istituzione della diocesi. Così, nel comunicato finale della Conferenza episcopale siciliana, si sottolinea che «in merito alla questione sempre attuale e sempre ricorrente della presenza della mafia nel tessuto sociale della nostra terra di Sicilia, i vescovi ribadiscono quanto già affermato in passato attraverso vari documenti: Nuova evangelizzazione e pastorale (1994), Finché non sorga come stella la sua giustizia (1996), Amate la giustizia voi che governate sulla terra (2012). Tutti coloro che, in qualsiasi modo deliberatamente, fanno parte della mafia o ad essa aderiscono o pongono atti di connivenza con essa, debbono sapere di essere e di vivere in insanabile opposizione al Vangelo di Gesù Cristo e, per conseguenza, alla sua Chiesa».
Parole nette e non equivocabili dell’assemblea presieduta da monsignor Salvatore Gristina, riunita per tre giorni, durante i quali c’è stata anche la presenza del presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco. L’intervento dei pastori siciliani è conseguente alla dura presa di posizione di monsignor Pennisi, che qualche giorno fa ha pubblicato un decreto che vieta ai mafiosi di essere ammessi all’incarico di padrino e ha suscitato molto interesse in tutta Italia. Un punto fermo dopo il caso scoppiato all’inizio di febbraio, quando si diffuse la notizia che Giuseppe Salvatore Riina, figlio del boss di Cosa Nostra, pure lui condannato per mafia, era tornato a fine dicembre a Corleone, per fare da padrino di battesimo alla nipotina.
Durante la seduta della Cesi si sono affrontati altri argomenti di estrema attualità come il rapporto tra giovani e lavoro, lanciando un appello alle istituzioni, per «sgombrare il campo dalle logiche del clientelismo, dalle lentezze della burocrazia, dalla invadenza della malavita organizzata. Ma è necessario soprattutto fare spazio alle nuove frontiere del lavoro, sviluppando modelli organizzativi in linea con l’evoluzione della società e della tecnologia. Per questo rivolgiamo alle istituzioni competenti un caloroso e pressante appello ad intervenire con urgenza e concretezza, mediante politiche appropriate. Oggi più che domani. Perché domani forse sarà troppo tardi».
Alessandra Turrisi
Giornale di Sicilia 19 marzo 2017

domenica 12 marzo 2017

4 ANNI DI PAPA FRANCESCO E GLI ELOGI PER PADRE PUGLISI


Il 13 marzo 2017 si compiono 4 anni dall'elezione di Papa Francesco. Pubblichiamo due articoli: uno di bilancio del Pontificato e uno centrato sulle severe prese di posizione di Bergoglio sulla criminalità organizzata con il suo pensiero in memoria di padre Pino Puglisi. 



martedì 28 febbraio 2017

"UN GRANDE UOMO": L'OMAGGIO DI UNA LAUREANDA A PADRE PUGLISI

Gabriella Cascio

  • Una studentessa della Facoltà Teologica di Palermo, Gabriella Cascio, ha scelto padre Pino Puglisi come argomento per la propria tesi di laurea. La sua biografia, ma anche l'ispirazione conciliare che lo ha animato. Ha intervistato gli amici del sacerdote-martire e si è recata a Brancaccio per sentire la sua gente. Ne è nato un "incontro" particolare che l'ha segnata. Dopo la laurea, ecco un articolo che ha scritto per il nostro blog in cui rivive la sua esperienza. 
di Gabriella Cascio

martedì 31 gennaio 2017

PORTARE IL VANGELO NELLE CASE: LE MISSIONI POPOLARI DI PADRE PUGLISI A BRANCACCIO

Volontari che - casa per casa a Brancaccio nel cuore dell'impero mafioso - portano il Vangelo, si riuniscono nel nome di Gesù, leggono la sua parola e ne fanno conoscere il sapore di libertà: nel '92 e nel '93 padre Pino Puglisi organizzò così le Missioni Popolari nel quartiere. E' un aspetto poco conosciuto del lavoro di evangelizzatore che gli costò la vita: in questo articolo per la prima volta, e citando materiali inediti, si ricostruisce come il sacerdote aveva organizzato le riunioni che si concludevano con un messaggio esplicito agli abitanti: "Pentitevi! Salvatevi da questa generazione perversa!". Per i volontari un unico fondamentale consiglio: "Dovete far vedere di essere innamorati di Gesù".




di Francesco Deliziosi



Portare il Vangelo a Brancaccio. Un progetto di evangelizzazione casa per casa che padre Pino Puglisi realizzò attraverso le "Missioni Popolari": si tennero dal 22 al 29 marzo del 1992 e dal 22 al 25 marzo del 1993. A maggio iniziarono le prime intimidazioni contro il sacerdote. E il 15 settembre di quell'anno fu ucciso dalla mafia.
Le "Missioni" del marzo '92 furono progettate da padre Pino secondo quelli che considerava i pilastri di ogni attività della Chiesa: la ricerca per ogni singolo uomo della propria vocazione e l'investimento di questo dono, di questo "talento", in opere concrete nella comunità, nel territorio: "Nella parrocchia - scriveva - tutta la pastorale dovrebbe essere attraversata dalla linea vocazionale insieme con la linea missionaria: tutti chiamati, tutti mandati" .

lunedì 12 dicembre 2016

PADRE PUGLISI: IL FASCINO DELLA TENEREZZA

Monsignor Vincenzo Bertolone, postulatore della causa di beatificazione  di padre Puglisi

di Anna Rotundo
Il fascino del vangelo della tenerezza. Don Pino Puglisi. Lo stile straordinariamente ordinario per i nostri tempi in continuo cambiamento: è il titolo della Lettera Pastorale dell’arcivescovo di Catanzaro-Squillace e presidente della Conferenza Episcopale Calabra, monsignor Vincenzo Bertolone, per l’anno 2016-2017.
Già nell’incipit, l’arcivescovo affascina il lettore presentando “la bellezza dell’essere testimoni limpidi di Cristo, guardando la vita con occhi sorridenti… senza resistere allo Spirito… riportando il vangelo al centro del mondo”

giovedì 8 dicembre 2016

200 MILA VISUALIZZAZIONI PER IL BLOG DI PADRE PUGLISI. L'INDICE DEI SUOI SCRITTI



Il blog che state leggendo ha superato le 200 mila visualizzazioni (per la precisione a oggi 209.515) in poco più di due anni di vita. Ospita oggi circa 250 articoli che comprendono tutti gli scritti significativi di padre Pino Puglisi (commentati e inseriti nel contesto storico), testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto, analisi e notizie sulle iniziative che si susseguono in sua memoria. Il blog rappresenta oggi la principale fonte di informazione sul sacerdote-martire ucciso dalla mafia, è consultato continuamente dagli studenti di numerose scuole e ha visualizzazioni anche dall'estero, per esempio dagli Stati Uniti, Spagna, Francia...
Festeggiamo questo traguardo ringraziando tutti i visitatori e quanti lo hanno sostenuto facendolo conoscere sia su internet che in particolare su facebook (questa la pagina FB collegata che ha più di 5 mila Mi Piace)
Se volete consultare l'indice degli scritti di padre Puglisi pubblicati
ecco  il link da cliccare

Nella classifica degli articoli più letti, ci sono 
1) L'intervista a Corrado Lorefice che parla di rischio infiltrazioni nelle processioni. Ecco il link
2) La recensione del libro di Alessandro D'Avenia "Ciò che inferno non è". Ecco il link
3) L'articolo sulla "Festa per 3P" che si è tenuta la sera del 15 settembre sul piano della Cattedrale. Ecco il link

Grazie ancora a tutti e preghiamo il Beato perché ci aiuti nella vita di ogni giorno a essere degni della sua memoria! (f.d.)


(foto di Pino Paliaga)

PADRE PUGLISI E PAPPALARDO: I RAPPORTI NEL PERIODO DI BRANCACCIO

Da sinistra il cardinale Pappalardo, padre Puglisi e un giovanissimo mons. Pippo Oliveri, di recente nominato vicario generale della diocesi di Palermo


di Francesco Deliziosi

Il 10 dicembre 2006 moriva a Baida a 88 anni il cardinale Salvatore Pappalardo: la Chiesa palermitana e la città lo ricordano in questi giorni con una serie di iniziative. Al presule è stato intitolato uno spazio verde a piazza Sett'Angeli (dietro l'abside della Cattedrale che ospita le sue spoglie). E proprio sabato 10 dicembre dalle 18 una solenne celebrazione eucaristica ricorderà il decennale della scomparsa e il primo anniversario dell'ordinazione episcopale dell'arcivescovo Corrado Lorefice. 

mercoledì 30 novembre 2016

PADRE PUGLISI E I GIOVANI: INIZIATIVE AL LICEO ARTISTICO V. RAGUSA DI PALERMO

Un momento dell'incontro con Giusy Pomara e Francesco Deliziosi al liceo artistico

Iniziative per fare memoria di padre Pino Puglisi al liceo artistico di piazza Turba a Palermo. Gli studenti hanno incontrato due amici del sacerdote-martire e testimoni del suo metodo educativo. Poi il liceo ha ospitato una mostra di 12 pannelli con foto e citazioni. Ecco un articolo di una docente dell'istituto che è stata tra le principali organizzatrici dell'iniziativa. 

giovedì 17 novembre 2016

PADRE PUGLISI ALLE COPPIE: AMANDOVI, DITE AL MONDO CHE DIO C'E'

Una mostra su padre Puglisi ospitata in cattedrale a Palermo

di Francesco Deliziosi

“Il matrimonio è un fatto di grazia, di vocazione, un servizio e una missione nella Chiesa e nella società. Sposarsi, e sposarsi in chiesa, ha dunque il senso che i due sposi mettono a disposizione di Dio il loro amore, perché venga trasformato in annunzio del suo amore per il mondo. Amandovi dite al mondo che Dio c’è”: è una frase di padre Pino Puglisi pronunciata durante l'omelia per il mio matrimonio. Era l'11 maggio del 1990. Il primo ottobre di quell'anno iniziò la sua missione a Brancaccio, conclusa con un colpo di pistola alla nuca, il 15 settembre del 1993. La mafia non aveva potuto tollerare la sua fede e la sua predicazione: per questo è stato proclamato martire della Chiesa cattolica il 25 maggio 2013.

martedì 25 ottobre 2016

IL PRIMO MARTIRE DI MAFIA


“Il primo martire di mafia. L'eredità di P. Pino Puglisi” è il nuovo libro scritto da Rosaria Cascio e Salvo Ognibene ed edito dalle Dehoniane di Bologna. Sarà presentato mercoledì 26 ottobre alle 18 alla libreria Paoline di Palermo. Ecco un articolo dei due autori.