lunedì 16 novembre 2015

PADRE PINO PUGLISI E LA SUA BATTAGLIA PER LA SCUOLA MEDIA DI BRANCACCIO

Un'immagine della scuola media padre Pino Puglisi a Brancaccio

"L'ignoranza conviene a chi vuole che l'illegalità continui". E' questa una delle riflessioni di padre Pino Puglisi a proposito di una delle sue battaglie a Brancaccio: la richiesta della creazione di una scuola media, la prima per un quartiere di circa 12 mila abitanti. In questa lotta il parroco fu coadiuvato dai componenti del Comitato intercondominiale: insieme parteciparono a una serie di incontri, l'ultimo dei quali la mattina del 15 settembre 1993, il giorno dell'omicidio. L'obiettivo era far realizzare al Comune la scuola media in alcuni locali abbandonati di via Hazon, dove si svolgevano gli affari criminali del clan. La lettera che pubblichiamo risale all'8 settembre del 1992: siamo quindi a circa un anno prima del delitto e immediatamente dopo la terribile estate delle stragi in cui persero la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
Nel silenzio dello Stato, nella periferia dimenticata di Brancaccio, il parroco e i suoi collaboratori continuano la loro lotta all'insegna della legalità. E la coraggiosa lettera non nasconde i problemi: si fa esplicito riferimento alla oppressiva presenza della criminalità organizzata e al fatto che i ragazzini, non frequentando la scuola, sono facile preda del clan e forniscono manovalanza per le attività illecite. Per delineare il contesto, occorre anche sottolineare che, in un quartiere dominato dalla mafia, anche solo il chiedere un appuntamento al sindaco o il rivolgersi con una lettera allo Stato era catalogato all'istante come una sfida al potere dei boss. La lettera preparata da padre Pino Puglisi riporta per primi i nomi di quattro dei componenti del Comitato. Il parroco, con la sua tradizionale umiltà, firma per ultimo. Sia la lettera che la serie di incontri non produssero risultati di rilievo per la sordità della pubblica amministrazione. La prima scuola media di Brancaccio, intitolata a padre Pino Puglisi, fu inaugurata solo nel 2000 dall'allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi.
Ciampi con l'allora arcivescovo di Palermo De Giorgi


Ecco il testo della lettera:

Al Sindaco di Palermo dott. Aldo Rizzo, 
Palermo, 
8 settembre 1992 
Da: Comitato intercondominiale della via Hazon e vie limitrofe 
A: Ill.mo Sig. Sindaco di Palermo, Dott. Aldo Rizzo. 
oggetto: RICHIESTA DI SCUOLA MEDIA INFERIORE PER IL QUARTIERE BRANCACCIO. 

I sottoscritti cittadini del quartiere Brancaccio, componenti del Comitato Intercondominiale della via Hazon e vie limitrofe, 
- Constatato lo stato di emarginazione sociale della via Hazon e vie limitrofe, dovuto ad un’emigrazione incontrollata dal centro storico, portata avanti dalle amministrazioni passate del Comune di Palermo senza preventiva realizzazione di servizi e attività sociali. 
- Constatata la notevole diffusione dell'analfabetismo; del mancato conseguimento da parte di molti giovani della licenza elementare e media inferiore; la non frequenza della scuola media inferiore di preadolescenti, nell’età dell’obbligo, perché distante. 
- Constatato che in orari scolastici vi sono fanciulli e preadolescenti per le strade della via Hazon e le adiacenti. A fare cosa ? Questa e' senza dubbio una condizione di un contesto sociale in grado di fornire manovalanza alla criminalità organizzata. Considerato che il quartiere Brancaccio è l’unico quartiere di Palermo ad essere sprovvisto di scuola media inferiore, 
CHIEDONO 
al Sindaco di Palermo di intervenire personalmente affinché l'attuale Amministrazione Comunale disponga la realizzazione di una scuola media inferiore nel quartiere Brancaccio. 
Si fa presente che nella via Hazon al civico Nr. 18 (edificio di proprietà del Comune di Palermo dal primo piano in sù) vi sono locali siti a piano terra e piano cantinato che sono completamente abbandonati e in rovina e pertanto motivo di degrado per la zona. In questi ampi locali si chiede di realizzare la scuola media inferiore con annessa una palestra (piano cantinato). Quanto sopra i sottoscritti ritengono indispensabile per la crescita civile del cittadino e di una zona a rischio qual è la via Hazon e le vie adiacenti. 
Inoltre i sottoscritti La informano che il giorno 4 settembre c.a. sono stati ricevuti dall'Assessore alla Pubblica Istruzione che ha dichiarato la sua disponibilità per la realizzazione della scuola media inferiore in via Hazon Nr. 18 . 
Con osservanza 
Martinez Giuseppe 
Guida Giuseppe 
Romano Mario 
Cosenza Antonino 
Don Giuseppe Puglisi
Un'immagine dell'atrio interno della scuola media di Brancaccio
L'originale della lettera


Nessun commento:

Posta un commento